Chi è è un cattivo pagatore

 

Può capitare che si possa essere inseriti nella lista dei cattivi pagatori senza quasi accorgersene, in fondo non è così difficile incorrere nelle sanzioni per ritardato pagamento, in quanto essenzialmente un cattivo pagatore è semplicemente colui che, per svariati motivi, non è rispettato perfettamente la successione dei pagamenti di una o più rate di un finanziamento richiesto, anche se alla fine ha estinto il debito con il finanziatore.

 

Metodi di accesso al credito per cattivi pagatori: prestito a loro riservati

 

Esistono in ogni caso delle casistiche in cui è possibile, anche per i cattivi pagatori, aver accesso a forme di finanziamento, pur in presenza di una loro segnalazione negativa alla Centrale dei Rischi, e fondamentalmente sono tre le alternative. Ma quali sono i migliori prestiti per cattivi pagatori? Vediamoli insieme!

 

Prestito cambializzato

 

E’ una possibilità di erogazione di finanziamento molto presente sul mercato dei prestiti, ed è costituita essenzialmente dalla sottoscrizione, da parte del cattivo pagatore, di apposite cambiali, a garanzia del prestito accordato. In caso di mancato pagamento di una o più rate del prestito, di durata non maggiore di 120 mesi, questi titoli di credito permettono il pignoramento diretto dei possedimenti del debitori, risultando particolarmente facilitata questa eventuale procedura. Altro vantaggio che possiede questa forma di prestito è quella di non richiedere la presenza di un conto corrente, a supporto della concessione del finanziamento.

 

Prestito delega

 

Questa particolare forma di finanziamento, che insieme al prestito cambializzato appartengono alla tipologia di prestiti personali cattivi pagatori non finalizzati all’acquisto di un particolare bene, è caratterizzato dalla richiesta di un dipendente al proprio datore di lavoro di riservare una parte del proprio stipendio al rimborso della rata del prestito. La percentuale solitamente impiegata e riservata per questa operazione è oscillante tra il 20 ed il 40%, e necessita dell’autorizzazione da parte del datore di lavoro. La rata è costante per tutta la durata del finanziamento.

 

Fideiussione

 

Ultimo metodo per accedere al credito da parte di un cattivo pagatore è la fideiussione, in cui alla posizione del soggetto richiedente il prestito viene affiancata una seconda figura, il garante , che onorerà i finanziamento erogato in caso di insolvenza del cattivo pagatore. Nel caso che avvenga questo pagamento surrogato, il fideiussore ha facoltà di rivalsa nei confronti della persona per cui ha prestato garanzia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.