Da quando ci ha attanagliati la crisi, purtroppo, sono state in tante le famiglie che hanno dovuto ricorrere alla richiesta di prestiti e finanziamenti sia alle banche che alle agenzie finanziarie private. Ma chi ha necessità di richiedere questi finanziamenti? Si potrebbe pensare ai giovani, che non trovando un lavoro fisso hanno bisogno magari di un prestito con avallo, oppure a famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese, ma tra chi richiede prestiti ci sono anche tantissimi anziani che con la pensione minima non riescono quasi a sopravvivere.

Prestiti ai pensionati, son tra i più poveri d’Italia

Emergenza prestiti pensionati: allarme povertà. Questo e altri titoli simili, si possono leggere praticamente tutti i giorni sui quotidiani. L’allarme è stato lanciato ormai diversi mesi, fa, ma ancora non si vede la fine del tunnel. E così i pensionati si dividono in due categorie, quelli che hanno una pensione discreta, e che date le circostanze si vedono costretti a mantenere anche le famiglie di figli che magari hanno perso il lavoro o di giovani nipoti che il lavoro non lo trovano proprio o sono cattivi pagatori, e quegli anziani che, invece, con una pensione minima non riescono a mangiare tutti i giorni.

Come si vive con 400 euro al mese

furti supermercatoSono tanti gli anziani che oggi come oggi devono vivere con circa 400 euro mensili. Ma facciamo un po’ di conti: se la casa è di loro proprietà, tanto quanto, c’è una speranza di sopravvivenza, ma se la casa è in affitto allora son problemi, perché o si paga l’affitto o si pagano le utenze. E così, molto spesso, gli anziani con una pensione minima si trovano a dover chiedere aiuto ai figli o a ridursi, praticamente, a barboni. Non è raro incontrare vecchine che chiedono l’elemosina, o che fanno la coda alla Caritas per mangiare un piatto caldo, non è raro vederli seduti nelle panchine senza nemmeno i soldi per comperarsi una dentiera e vivere una vita dignitosa.

Niente soldi per l’adesivo della dentiera

Qualche volta è capitato di leggere alcune notizie riguardanti qualche anziano sorpreso a rubare al supermercato l’adesivo per i denti. Una tristezza infinita che mostra chiaramente come molti non siano in grado nemmeno di sopperire alle spese essenziali per il quotidiano. E allora si spera che con qualche prestito si possa tirare avanti ancora per qualche tempo, magari fino all’arrivo della successiva pensione. Del resto i consumi per un anziano sono davvero pochi, basso il consumo di luce, ancora meno quello del gas e per mangiare ci si accontenta di pasti frugali.

Una realtà che stride con quelli che sono invece gli agi e i vitalizi dei politici.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.